cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

L’Italia dei divieti

Autore: . Data: venerdì, 25 settembre 2009Commenti (0)

Proibiti i teli da mare…al mare.

spiaggiaA Siracusa i bagnanti non possono “invadere” con i loro teli da mare il tratto di spiaggia che dista dall’acqua meno di cinque metri. Lo stabilisce una ordinanza del capo del compartimento marittimo di Siracusa del 15 giugno 2009 “che interpreta – dicono le associazioni Consitalia, Arenella Spiaggia Libera e Natura Sicula – in maniera restrittiva un articolo del decreto regionale 476 del 2007 che tutela la ‘sosta del bagnante sulla battigia’. Per ‘battigià infatti intende la parte di spiaggia sulla quale si infrangono le onde, larga quindi 15 centimetri. Grazie a questa ordinanza quest’estate sono state elevate multe da parte della Capitaneria di Porto ai bagnanti”.

Secondo la Capitaneria di porto di Siracusa, l’ordinanza sarebbe avvalorata, oltre che dall’interpretazione del termine “battigia”, anche dall’ultimo comma del decreto dove “viene prescritto – scrive in una lettera all’assessorato regionale all’Ambiente – di lasciare libera sull’arenile o sulle scogliere basse una fascia demaniale di cinque metri, inibendo la collocazione di teli, sdraio o ombrelloni”.

Questa fascia, sempre secondo la Capitaneria, sarebbe riservata solo al transito degli utenti e dei mezzi di soccorso. “In questo modo – dicono le associazioni – i bagnanti dovrebbero mettere il loro telo quasi a mare, oppure stare in piedi con il telo in mano. Chiediamo all’assessorato di intervenire per modificare o integrare il decreto in maniera che venga previsto il diritto dei bagnanti di sostare sulla spiaggia con i teli da mare”.

Provvedimenti ed ordinanze di cui tutti in Sicilia sentono il bisogno.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008