cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Cisl e Uil sempre più lontane dalla Cgil

Autore: . Data: giovedì, 10 settembre 2009Commenti (0)

Le due organizzazioni alla ricerca dell’isolamento del sindacato di sinistra.

cgilstriscioneParte il negoziato tra sindacati e Federmeccanica per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici. Le parti si erano già incontrate prima dell’estate per una prima presa di contatto, ma con la riunione di oggi la trattativa dovrebbe entrare nel vivo.

La Cgil è del parere di siglare solo un accordo ponte sul salario per non incrementare ulteriori divisioni tra i sindacati e per riuscire a gestire al meglio la crisi. Una posizione, fatta propria anche dalla Fismic, che chiede subito gli aumenti e un rinvio dell’applicazione del nuovo sistema contrattuale.

L’occasione del negoziato, tuttavia, segna l’apertura di una nuova fase con caratteristiche del tutto nuove per le relazioni tra proprietà e rappresentanti dei lavoratori e Fim e Uilm chiedono tempi stretti per il negoziato, dicendo no a qualsiasi ipotesi di moratoria degli aumenti per il prossimo anno. Perchè – hanno osservato – non si possono chiedere ai lavoratori altri sacrifici. In particolare, la Fim guidata da Giuseppe Farina afferma che non rinuncerà a fare il contratto “nè per la Fiom nè per la crisi”, manifestando apertamente una volontà di rottura dell’unità sindacale.

D’accordo con Cisl e Uil sulla ‘rapidità’ nella ricerca di un accordo anche Federmeccanica, il cui presidente Pier Luigi Ceccardi ha detto che l’obiettivo è di chiudere in tempi “ragionevolmente brevi, al più tardi entro la scadenza di dicembre”, con le nuove regole contrattuali e tenendo il più possibile leggero il 2010.

Le richieste della Fiom, ha sostenuto il rappresentante degli imprenditori “non sono oggetto del negoziato”, anche se per lui la porta è “sempre aperta” anche se non si comprende in che modo.

I sindacati quindi si presentano all’incontro con piattaforme separate e con la Cgil sempre contraria all’accordo sul nuovo modello contrattuale accettato dagli altri due sindacati confederali.

Fim e Uilm chiedono aumenti medi mensili pari a 113 euro lordi per il triennio, più 30 euro come elemento di perequazione per chi non fa la contrattazione aziendale, mentre la Fiom vuole aumenti pari a 130 euro lordi per il 2010-2011, più 35 euro al mese per chi non fa la contrattazione integrativa.

Per il segretario confederale della Cgil, Susanna Camusso, un accordo ponte sul salario sarebbe “ragionevole, considerando le difficoltà che ci sono, ed eviterebbe di incrementare le divisioni tra i sindacati”. Ma questa ipotesi viene bocciata dagli altri, forse interessati anche allo scenario ‘politico’ più ampio, ed ormai indirizzati verso una strategia ‘morbida’ nei confronti di Confindustria e governo.
.
Federmeccanica dice no a “soluzioni pasticciate”, mentre Giuseppe Farina, segretario della Fim ha parlato di “non senso: si fa un accordo proprio per facilitare i rinnovi e poi il primo atto è fare un accordo ponte. Avremmo preferito un contratto unitario, ma noi andremo avanti ugualmente: non rinunciamo a tentare di rinnovare il contratto, nè la Fiom nè la crisi possono togliere questo diritto ai lavoratori metalmeccanici”.

C’è da vedere quale sia l’interesse vero dei lavoratori, ma questo è un altro discorso.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008