cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Per l’Africa abbracceranno una montagna

Autore: . Data: mercoledì, 24 giugno 2009Commenti (0)

Seimila persone si prenderanno per mano sulle Dolomiti per chiedere al G8 di non dimenticare il Continente nero.

africaUna catena umana si prepara ad abbracciare le Tre Cime di Lavaredo per ricordare ai Paesi ricchi che si riuniranno a l’Aquila dall’8 luglio di mantenere fede alle promesse e agli impegni sottoscritti nei confronti dell’Africa e più in generale del Paesi del Sud del mondo.

A partire dal mezzogiorno del 5 luglio i manifestanti si vedranno in Cadore e daranno vita a ‘Le dolomiti abbracciano l’Africa’. La decisione di organizzare l’iniziativa è stata presa dall’Associazione Gruppi ‘Insieme si può…’, una organizzazione non governativa, dal Comune di Auronzo di Cadore, col patrocinio della Camera dei deputati, della Regione Veneto, della Provincia di Belluno e Bolzano, della comunità montana Centro Cadore e dai comuni di Dobbiaco e Cortina d’Ampezzo.

In un comunicato i promotori hanno sostenuto che la scelta di abbracciare una montagna non è casuale “ma racchiude un simbolismo forte: queste montagne sono infatti nate 230 milioni di anni fa proprio a causa delle forze sollevatrici dovute all’impatto tra le placche dell’Africa e dell’Europa. Possono dunque rappresentare la cerniera naturale tra i continenti, un luogo d’incontro simbolico creato da madre natura”.

Alla manifestazione hanno aderito numerosi organismi, tra cui la Fondazione Rita Levi Montalcini, l’Agesci, Amnesty International, la Banca Etica, il cantante degli U2 Bono Vox e il presidente dell’Uncem, l’Unione delle comunità montane, Enrico Borghi.

“La montagna è da sempre simbolo di impegno, fatica e condizioni di vita estreme, e per questo motivo la catena umana di solidarietà – ha affermato Borghi – assume un valore ancora più importante nei confronti delle popolazioni che hanno bisogno di aiuto”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008