cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Una nuova cura per la leucemia linfatica cronica

Autore: . Data: venerdì, 6 marzo 2009Commenti (1)

La Roche ha annunciato che la Commissione Europea ha approvato l’uso del ‘Rituximab’, un farmaco utilizzato contro il tipo più diffuso di linfoma non Hodgkin di grado basso (a cellule B),  per il trattamento della leucemia linfatica cronica.
rituximabIl ‘Rituximab’ in associazione con la chemioterapia sarà usato per il trattamento della leucemia linfatica cronica (Llc), il tipo di leucemia più diffuso tra gli adulti, nei pazienti con malattia non trattata in precedenza.

La Llc rappresenta circa il 30-40 per cento di tutte le forme di leucemia presenti nei Paesi occidentali. La sua incidenza globale è di circa tre casi su 100mila e ha una percentuale di diffusione maggiore del 30per cento tra gli uomini.

Colpisce principalmente le persone più anziane: il 70-80 per cento dei pazienti ricevono una diagnosi dopo i 55 anni di età, in particolare tra i 65 e i 70 anni. Sebbene la Llc sia generalmente considerata una malattia con uno sviluppo lento, una notevole percentuale di pazienti è affetta da forme che si sviluppano rapidamente.

L’approvazione è basata sui convincenti risultati dello studio di Fase III CLL8. Il professor Michael Hallek dell’Università di Colonia che ha guidato il gruppo di studio tedesco sulla Llc (Gcllsg, German CLL Study Group) nell’ambito del trial CLL8 ha dichiarato: “I dati dello studio CLL8 indicano che ‘Rituximab’, utilizzato in associazione con la chemioterapia, ha il potenziale per diventare lo standard di cura per il trattamento della Llc. L’approvazione di oggi renderà disponibile il trattamento migliore, rituximab più chemioterapia, ai malati di Llc di tutta Europa”.

William M. Burns, Ceo della Divisione Farmaceutica di Roche ha aggiunto: “L’approvazione ottenuta oggi per l’uso di ‘Rituximab’ nella Llc è una grande notizia per i pazienti affetti da questa devastante malattia. Abbiamo visto il farmaco trasformare la vita di oltre 1,5 milioni di persone affette da linfoma non Hodgkin (Nhl) e speriamo che questa approvazione possa determinare un cambiamento altrettanto importante per le persone che soffrono di questa patologia”.

Rituximab è un anticorpo terapeutico che si lega a una particolare proteina – l’antigene CD20 – sulla superficie dei linfociti B normali o maligni. Esso ‘recluta’ successivamente le difese naturali del corpo per attaccare e distruggere i linfociti B marcati. Poichè le cellule staminali (progenitrici dei linfociti B) del midollo osseo sono prive dell’antigene CD20, i linfociti B sani possono rigenerarsi dopo la terapia e tornare ai livelli normali in alcuni mesi.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • MARIA ROSARIA ha detto:

    io sono sono affetta da leucemia linfatica cronica scoperta novembre 2011 dopo aver fatto tanti esami ,ssono in cura all ospesale san carlo di potenda dal DOTTOR CIMINIELLO GRANDE EMATOLOGO .Vorrei fare qualcosa X PASQUA RACCOGLIERE QUALCOSA X LA RICERCA COSA POSSO FARE GRAZIE.ASPETTO UN VOSRA COMUNICAZIONE MARIA ROSARIA.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008