cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Le carceri italiane scoppiano

Autore: . Data: mercoledì, 25 marzo 2009Commenti (0)

Lo ha denunciato l’Osapp, l’Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria.

carcereEntro la fine di questa settimana i detenuti nelle carceri italiane raggiungeranno quota 61mila, a fronte di una capienza di 43mila posti. Lo ha denunciato Leo Beneduci, segretario generale dell’organizzazione sindacale.

“È inammissibile – ha sottolineato Beneduci – che tutto sia stato rimandato a maggio quando il commissario straordinario, che a sua volta è anche capo del Dipartimento, presenterà il piano per l’incremento dei posti letto negli istituti di pena. Nel frattempo non si muove nulla e il numero dei detenuti cresce”.

Il leader del sindacato ha citato l’esempio della casa circondariale Lo Russo Cotugno, a Torino, dove “sono presenti 1.600 detenuti, quando in realtà le strutture ne possono ospitare solo 923. Qui si pratica la ‘carcerazione ginnica’, che consiste nel tenere i reclusi in palestra, costretti con un materasso a dormire per terra”.

È uno dei tanti casi, ha concluso “dove le condizioni igieniche sono estreme ed i carichi di lavoro per tutto il personale delle sezioni detentive, della matricola, del casellario, della sala avvocati e così via si sono praticamente quadruplicati”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008