cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

La fine del mondo? Nel 2030

Autore: . Data: venerdì, 20 marzo 2009Commenti (13)

Carenza di cibo, acqua ed energia, disastri ambientali, guerre e migrazioni di massa: la fine del mondo è alle porte e si abbatterà su di noi entro il 2030.

fine-mondo-terraÈ questa la ben poco rassicurante previsione fatta dallo scienziato  britannico John Beddington, secondo il quale i cambiamenti climatici e l’aumento della popolazione mondiale stanno per dare vita ad una “perfetta tempesta” globale che sconvolgerà il pianeta. Nel suo intervento ad una conferenza sullo sviluppo sostenibile tenutasi oggi a Westminster, Beddington ha affermato che entro quella data il mondo si troverà ad affrontare una crisi globale senza precedenti, con 8,3 miliardi di persone costrette a contendersi risorse energetiche, alimentari e idriche, sempre più scarse anche a causa dei cambiamenti climatici.

“Ci avviciniamo ad una perfetta tempesta nel 2030, perchè tutti questi fattori stanno operando insieme. Se non affrontiamo il problema, dobbiamo aspettarci una grande instabilità a livello globale, un aumento delle rivolte e dei disordini e problemi con le migrazioni di massa, quando la gente lascerà i luoghi dove il cibo e l’acqua vengono a mancare”, ha detto Beddington, un esperto sull’utilizzo sostenibile delle energie rinnovabili che prima di assumere l’incarico di scienziato capo del governo era professore di biologia applicata alle popolazioni presso l’Imperial College di Londra.

Secondo lo scienziato, le riserve globali di cibo sono già così scarse – circa il 14% del consumo annuale – che potrebbero essere compromesse da un grave episodio di siccità o da grandi alluvioni. “Le nostre riserve hanno toccato il livello più basso dagli ultimi 50 anni ed entro il 2030 dovremo produrre il 50% di cibo in più. Allo stesso tempo avremo bisogno del 50% di energia in più e del 30% in più d’acqua. E non si può pensare di risolvere un problema senza prendere in considerazione gli altri. È necessario affrontarli tutti insieme”, ha detto lo studioso, secondo il quale anche l’Europa dovrebbe seguire l’esempio degli Usa, dove il presidente Barack Obama si è dotato di una squadra di scienziati come consulenti in questioni riguardanti la scienza, l’ambiente e l’energia. A causa del surriscaldamento globale, afferma lo scienziato, l’Europa settentrionale diventerà uno dei centri principali per la produzione di cibo, mentre in altre aree diventerà sempre più difficile coltivare.

Alla luce di questo, ridurre la percentuale di prodotti agricoli che ogni anno viene persa a causa di parassiti e malattie – attualmente il 30-40% della produzione mondiale – è, secondo Beddington, un fattore cruciale per evitare una carestia a livello globale. A questo scopo, sostiene lo scienziato, è necessario sviluppare tecnologie agricole più avanzate e gli Ogm potrebbero rappresentare una soluzione. “Abbiamo bisogno di piante resistenti alla siccità e alla salinità e per ottenerle possiamo utilizzare sia gli incrocio convenzionali che la modificazione genetica”, ha detto.



Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (13) »

  • Antocalu ha detto:

    ahahahahahahahahahahahahahahahahahahah!
    cambiamo un’altra data và!
    io dico nel 2048 :D :D

  • sedinica ha detto:

    mueeeeeeee moriro a 32 anni

  • cacca ha detto:

    noo muoriro solo a 30 anni troppo giovane avro appena cominciato il lavoro ;( che destino crudeleee

  • 2012 ha detto:

    no grazie

  • Rosanna ha detto:

    l’allarmismo di massa è sempre una cosa sbagliata…

  • MARIO ha detto:

    NON SUCCEDE NULLA

  • etty ha detto:

    mario sei sicuro che nn succedera niente io moriro ha 58 anni

  • maura ha detto:

    cmq nn ci credo

  • JESSICA ha detto:

    SAREBE LA COSA PIU DEMOCRATICA MAI FATA DAL DIO

  • roberto 64 ha detto:

    secondo me e’ ora di fare tutti un esame di coscienza , penso che se tutto finisse ….. sarebbe la giusta punizione a questa umanita’ autolesionista e senza scrupoli.

  • gabriele ha detto:

    Se leggete la bibbia (per chi ci crede ovviamente)in 1tessalonicesi capitolo5versetto 3 dice:”qando diranno pace e sicurezza allora un improvvisa distruzione sara’ istantaneamente su di loro…..”.
    I tempi ora mai sono vicini!!!

  • Pier36 ha detto:

    Beh io sapevo nel 2012 che succedeva ma……. meglio così

  • Pier36 ha detto:

    Beh almeno morirò a 29 anni

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008