cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, primo piano
Regola la dimensione del carattere: A A

Il treno sfida l’aereo. E vince

Autore: . Data: martedì, 10 febbraio 2009Commenti (0)

Guai seri in vista per Alitalia-Cai. Nel mese di dicembre l’alta velocità ha surclassato il trasporto aereo. Sarà una tendenza stabile?

trenofrecciarossaÈ avvenuto sulla Milano-Roma che, a dicembre, con l’inaugurazione del servizio Frecciarossa, che ha trasportato più passeggeri di Alitalia ed Airone assieme.

Il treno ha battuto l’aereo superando il 50per cento di quota di mercato – ha spiegat il presidente delle Fs, Innocenzo Cipolletta e per il futuro l’alta velocità punta al “60 per cento della massa dei passeggeri” della tratta Milano-Roma.

In più Trenitalia punterebbe a modulare l’offerta con tariffe speciali per chi viaggia in ore e in giornate di minore afflusso.

Cipolletta non ha comunque voluto esser troppo ottimista: “Aspettiamo a fare questo conto quando la recessione sarà terminata”, ha precisato. A chi gli chiedeva espressamente chi sarà il vincitore della sfida, Cipolletta ha risposto senza sbilanciarsi troppo: “Vinciamo tutti – ha detto – offrendo varie alternative di trasporto ci sarà infatti posto per tutti”.

Per ora Trenitalia “è soddisfatta” del risultato raggiunto e aspetta di poter giocare ad armi pari con l’aereo quando, dopo il 12 dicembre di quest’anno, “sarà completata la linea Torino-Milano-Salerno”, portando la percorrenza tra il capoluogo lombardo e la Capitale a 3 ore, contro le attuali 3 ore e mezza.

Che l’alta velocità fosse in grado di sovvertire il tradizionale rapporto di forza a favore dell’aereo lo si era visto in Francia. Dopo 28 anni di servizio del Tgv (il viaggio inaugurale della Parigi-Lione risale al settembre 1981) ed una rete che copre ormai l’intero Esagono, il super treno d’oltralpe è riuscito a rubare clienti all’aereo, tanto che Air France ha messo in conto di perdere circa 500 mila clienti già la scorsa primavera a favore del treno.

Sulla Parigi-Marsiglia in cambio di una differenza minima di prezzo, il Tgv impiega 3 ore da stazione a stazione, a fronte dei 60 minuti di volo, a cui vanno sommati i tempi per raggiungere gli aeroporti dai rispettivi centri cittadini, oltre al check-in e al ritiro dei bagagli.

Secondo Cipolletta, però, “bisogna aspettare che passi la crisi e poi ci sarà una forte domanda di trasporto con possibilità di crescita per tutti”.

L’unico scoglio ai progetti di Trenitalia è la qualità del servizio, perchè tra ritardi e guasti sarà lungo il lavoro per raggiungere standard elevati come quelli francesi.


Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008