cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

I proclami senza fatti

Autore: . Data: lunedì, 2 febbraio 2009Commenti (0)

Per il sindacato autonomo di polizia negli stadi non è cambiato niente. Il ministero degli Interni è in altre faccende affaccendato e gli agenti  “continuano ancora a rischiare la vita”.

ultrasNicola Tanzi, segretario generale del Sap, il sindacato autonomo di polizia, alla vigilia del secondo anniversario dell’ispettore di polizia Filippo Raciti, morto il 2 febbraio 2007 a Catania per una partita di calcio, ha detto: “Sono passati due anni dalla morte di Filippo Raciti. E i poliziotti italiani continuano ancora a rischiare la vita negli stadi per una partita di pallone, perchè purtroppo poco o nulla è cambiato rispetto a quel tragico febbraio 2007″.

“Da parte della Polizia di Stato, invece, lo sforzo è continuo e costante per migliorare la propria professionalità – ha aggiunto Tanzi – e va in questa positiva direzione la scelta del nostro Capo, il Prefetto Manganelli, che ha recentemente istituito a Nettuno una scuola di formazione per l’ordine pubblico”.

Tante le iniziative in tutta Italia, ricorda il Sap, per ricordare Raciti. “Dopo le polemiche e lacrime di coccodrillo di molti – ha spiegato Tanzi – nel mondo del calcio le cose non sono cambiate più di tanto e, se si sono verificati meno incidenti e meno problemi negli stadi nelle ultime due stagioni sportive, lo si deve in primo luogo all’impegno professionale e al sacrificio costante degli operatori delle Forze dell’Ordine, a partire da quelli dei Reparti Mobili di Polizia. A nostro avviso, l’unica strada che si doveva davvero intraprendere, quella della corresponsabilizzazione delle società di calcio per gli incidenti causati dai propri tifosi, non è stata neppure presa in considerazione. Chiediamo ancora una volta a tutte le parti interessate – istituzioni, società sportive, tifosi – una seria riflessione perchè quel che è accaduto due anni fa, non succeda mai più”.

L’attivismo dei mistri dell’Interno, Maroni, e della Gustizia, Alfano, non pare orientato verso il contrasto del teppismo calcistico. Forse perchè misure drastiche potrebbero risultare impopolari e condizionare il comportamento dell’elettorato.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008