cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Ancora proteste contro Dal Molin

Autore: . Data: giovedì, 5 febbraio 2009Commenti (1)

Continuano le proteste contro la costruzione della base Usa a Vicenza. ‘No dal Molin’ denuncia una strana accellerazione dei lavori.
nodalmolinUna nota dei promotori del presidio permanente per il ‘No Dal Molin” di Vicenza ha reso noto ieri:”Anche quest’oggi i lavori proseguono all’interno del Dal Molin con ritmi impressionanti; segno che qualcuno ha una gran fretta di portare la situazione nello stato più avanzato possibile, ma anche dimostrazione di arroganza da parte dei comandi statunitensi e del commissario Costa che, di fronte alle richieste della città, dimostrano di considerare Vicenza territorio di colonizzazione”.

Il No Dal Molinquindi ha invitato “tutti coloro che, seppur con diversità, si oppongono al progetto statunitense a mobilitarsi, con le proprie forme e con le proprie pratiche, per rispondere a questo ennesimo atto di sopraffazione. Per quel che ci riguarda, venerd’ì alle 21 terremo al Presidio un’assemblea straordinaria, aperta a tutti i cittadini, durante la quale renderemo operativa la seconda fase della nostra mobilitazione: quella del blocco dei lavori in corso”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • Sara ha detto:

    La conclusione dei promotori non e’ accurata. I promotori sembrano ignorare alcune caratteristiche della cultura americana (il popolo dell’azione e dei risultati non del traccheggio) e degli accordi firmati dall’Italia (a suo tempo) che regolano anche le modalita’ secondo le quali vengono prese le decisioni.
    Probabilmente, I lavori procedono per il semplice fatto che gli americani, avranno tanti difetti, ma sono molto pragmatici. Vicino Napoli hanno costruito dal nulla un intero villaggio in pochi mesi, e’ una questione di organizzazione e di modo di procedere non necessariamente un’atto contro qualcuno. Considerato che viviamo in un Paese il cui sistema giudiziario offre piu garanzie a delinquenti che si macchiano di orribili reati che alle loro vittime…forse tutte queste energie potremmo concentrarle in altre battaglie molto piu urgenti. Mi viene in mente una battuta di Fabio Volo..il “TITANIC affonda e ci preoccupiamo di riparare il cesso che perde!”

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008