cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

L’Afghanistan rischia la fame

Autore: . Data: giovedì, 4 dicembre 2008Commenti (0)

A rischio la distribuzione degli aiuti
Circa 8,4 milioni di persone dipendono per la propria sopravvivenza direttamente dagli aiuti alimentari, ma gli attacchi ai convogli umanitari sia in Afghanistan sia in Pakistan e le abbondanti nevicate che rendono impraticabili molte delle vie di comunicazione, rendono sempre più difficile raggiungere la popolazione. L’Afghanistan rischia così un altro inverno di fame. A denunciarlo è l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) con il comunicato che segue.

“Se durante lo scorso inverno sono morte per freddo 2mila persone, quest’anno il numero dei morti rischia di essere ancora più alto. La siccità che in estate ha colpito l’Afghanistan settentrionale e centrale ha distrutto parte del raccolto di grano, la cui produzione è diminuita del 36% rispetto all’anno scorso. Come conseguenza della siccità non solo mancano agli alimenti per la popolazione ma anche il mangime per il bestiame. Negli scorsi due inverni circa 1,5 milioni di capi di bestiame (circa il 10% del totale di bestiame dell’Afghanistan) sono morti per fame, contribuendo così ad inasprire tragicamente la carestia tra la popolazione. In particolare la popolazione dipende quindi dagli aiuti alimentari internazionali. Nel corso del 2008 è quasi raddoppiato il numero delle aggressioni ai dipendenti delle organizzazioni umanitarie. Da gennaio 2008 ad oggi sono stati uccisi 30 cooperanti internazionali ed altri 80 sono stati rapiti. 26 convogli umanitari del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite sono stati attaccati e distrutti alimentari che avrebbero coperto il fabbisogno di un mese di circa 100mila persone”.

“Gli attacchi delle milizie telebane non fanno alcuna differenza tra i convogli di aiuti alimentari per la popolazione afgana e i trasporti di rifornimento per le truppe straniere stazionate in Afghanistan (ISAF). Un attacco sferrato lunedì scorso a un centro di raccolta dell’ISAF nella città pakistana di Peshawar ha ucciso due persone e distrutto una dozzina di camion. Il 75% degli aiuti umanitari per l’Afghanistan passa attraverso il Pakistan e viene trasportato in camion attraverso i passi di montagna di Khyber e Chaman. Su questa rotta sono morti dal gennaio 2007 a oggi più di 100 camionisti e da ottobre 2008 25 camionisti sono stati rapiti. Il 10 novembre 2008 dodici camion carichi di aiuti alimentari del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite sono stati saccheggiati sul passo Khyber”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008