cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Forse casa per 10mila iracheni

Autore: . Data: martedì, 2 dicembre 2008Commenti (0)

l’Unione europea pensa di accoglierli

I ministri degli interni dell’UE hanno preso la decisione non vincolante di accogliere 10mila profughi iracheni. Secondo l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si tratta di una “goccia nell’oceano. Se da un lato l’APM saluta il fatto che l’UE abbia finalmente deciso di tendere una mano ai profughi iracheni, dall’altro lato considera vergognoso che la decisione non comporti alcun vincolo per i singoli paesi europei ad accogliere un certo numero di profughi”.

Secondo l’associazione Particolarmente drammatica è la situazione delle minoranze quali i Cristiani assiro-caldei-aramei, i Mandei e gli Yezidi rifugiati in Siria e Giordania. I dati forniti dall’Alto Commissariato per i Rifugiati dell’ONU (ACNUR) riportano che la situazione di almeno 60mila profughi iracheni va considerata particolarmente grave e comporta l’impossibilità per questi di tornare in Iraq. Secondo le stime dell’APM, invece, le persone in situazioni particolarmente gravi sono almeno 200mila.

In considerazione della drammaticità della situazione, l’APM considera “vergognoso che l’intera Europa sia disposta ad accogliere, almeno teoricamente e comunque senza alcun vincolo, appena 10mila persone. Se si considera che solo la Germania aveva accolto durante la guerra in Bosnia 320mila profughi bosniaci musulmani”.

Dall’inizio della guerra in Iraq nel 2003 sarebbero fuggiti dal Paese mediorientale fino a 2 milioni di persone, la maggior parte dei quali in Siria e Giordania.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008