cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Ronaldinho, Kakà, Dida, Emerson e Pato

Autore: . Data: mercoledì, 12 novembre 2008Commenti (0)

Berlusconi li porta da Lula

Dopo le gaffe sul futuro presidente Usa, Barack Obama, Berlusconi insiste nella sua visione ‘privata’ dello Stato. L’avvenimento di ieri potrebbe sembrare marginale. Qualcuno potrebbe obiettare che le critiche sono le solite manifestazioni di incomprensione di oppositori ostinati se non “deficienti”.

Eppure forse le cose stanno diversamente. Alla conferenza congiunta che ha concluso i colloqui a Villa Madama tra i governi di Brasile e Italia, il presidente del Consiglio ha portato i suoi dipendenti-calciatori brasiliani del Milan, Ronaldinho, Kakà, Dida, Emerson e Pato.

In fondo i gocatori li paga lui e se possono servire per farsi pubblicità che male c’è a sfoggiarli in pubblico. Un buon padrone è magnanimo. I giocatori, anche grazie ai lauti guadagni offerti dal mondo della pedata, sono azionisti della compagnia petrolifera brasiliana Petrobras.

“Ho fatto questa sorpresa a Lula perché lui sa tutto di calcio. Vive il calcio come una metafora di vita”, ha detto il Cavaliere e poi ha aggiunto:”Questi campioni sono un esempio anche nella vita non solo sul campo di calcio”. Infine ha inventato un improbabile ponte culturale col Brasile: “Tante cose uniscono i nostri due Paesi” e riferendosi alla musica carioca ha scoperto che assomiglia molto “alla tradizione napoletana”.

Il presidente Lula allora ha salutato gli atleti, mentre con espressione compiaciuta Berlusconi sorrideva e mostrava con un gesto della mano di essere lui a versare lo stipendio ai suoi ‘dipendenti’ da accompagno.

Durante l’intervento di Lula, poi, ‘l’Uomo della provvidenza’ continuando a mostrarsi ogorglioso per la presenza delle sue proprietà si è coperto un lato del volto con la mano, come per volersi nascondere dall’ospite straniero, sentendosi in quel momento divertentissimo.

Berlusconi ormai naviga nella politica italiana non riuscendo più a distinguere una carica elettiva dal ruolo del proprietario di un’azienda quando convoca il Cda. Non riesce a vedere neppure le differenze e così come si infuria con chi lo critica e magnanimo con i suoi estimatori.

Dove siano finiti in tutto questo le regole democratiche ed il senso dello Stato è un rebus. Alcuni italiani però sono contenti, saranno cittadini o dipendenti del Paese?


Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008