cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Il ‘buco nero’ del Palazzo

Autore: . Data: venerdì, 28 novembre 2008Commenti (0)

La fisica applicata alla politica
La politica è ormai diventata irraggiungibile. Poche cose escono dalla sue stanze e stanzette, ad esclusione di grandi o piccoli atti mediatici, che spaziano da dichiarazioni ed interviste su reti nazionali in prima serata fino alla nota in cronaca locale del quotidiano di provincia.

Interazioni con la popolazione, percezione di un legame diretto e bidirezionale tra politica e vita quotidiana sono ormai ridotte a zero. Proprio come se gli eventi della politica fossero ormai stati coperti da una cortina nera.
L’analogia scatta immediatamente; un buco nero

Per coloro che pur avendo sentito un temine ormai abusato in tutte le sedi non se ne sono mai interessati, si può’ riassumere che un buco nero è quella anomalia nella fisica classica che si forma non appena si concentra in un unico posto una massa sufficientemente grande, pari ad alcune volte la massa solare. La materia non riesce a resistere alla sua stessa forza di gravità e collassa in se stessa diventando sempre più densa.

Un osservatore immaginario dell’evento vedrebbe però una cosa diversa; ad un certo punto dalla materia in collasso emerge una sfera nera che rimane di dimensione fissa. Si tratta di un fenomeno causato dal fatto che la velocità della luce è finita ed insuperabile. Quando la gravità diventa così forte che la velocità di fuga è maggiore di quella della luce si forma il buco nero, che è in grado di divorare qualunque quantità di materia ma che non restituisce ma nulla, nemmeno un singolo raggio di luce. Una massa così forte che piega lo spazio intorno a sè e diventa un mondo chiuso in se stesso.

La politica, che ha sempre fatto la parte del leone del mondo mediatico, sembra scomparsa completamente dalla vita quotidiana. Per chiunque abbia la fortuna di avere esperienze direttè è noto come questo fenomeno sia esclusivamente italiano.

Tornando da Bruxelles pochi giorni fa, dove pure la politica europea la fa da padrone, l’impressione della diversità italiana è stata violenta, perchè laggiiù la vita quotidiana e la politica interagiscono comunque.

In Italia no. I politici sembrano scomparsi dal mondo. Appaiono qua e lè con le loro scorte, partecipano ad un convegno, si manifestano in qualche comparsata e rientrano nei loro Palazzi. Si materializzano davanti a qualsiasi telecamera e se sono ‘importanti’ vanno direttamente dal Parlamento a “Porta a Porta”.

Oggi i cittadini contano qualcosa solo in Abruzzo, ma tra qualche giorno tutto tornerà come prima. Fino alla prossima elezione. Il buco nero della politica.

Marco Calamari

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008