cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Ombre cinesi

Autore: . Data: mercoledì, 15 ottobre 2008Commenti (0)

La dura vita dei lavoratori in Cina
Con il boom del tessile in Cina, Feng Xianfa, un padre di famiglia di 30 anni, decide di trasferirsi a Shengze, la capitale cinese della seta. All’inizio del 2008, però, l’economia prende una piega negativa e le fabbriche tessili diminuiscono anch’esse la produzione. Gli operai non qualificati, emigrati da altre regioni, come Feng e la moglie Hu Jinmei, sono i primi a essere licenziati.

Troppo spesso si parla della Cina come il gigante in espansione, senza conoscere le realtà interne al Paese, dove aumenta il divario fra poveri e ricchi, fra campagne e città. A far luce sui problemi della società cinese c’è dal 1994 il China Labour Bulletin (CLB), un’organizzazione di Hong Kong che difende i diritti dei lavoratori.

Feng ha raccontato alla China Central Television che la sua famiglia vive con 1.300 yuan al mese (190 dollari). A malapena riesce a sbarcare il lunario, ma non è in grado di allevare il figlio di sette anni che ha rimandato indietro alla sua città di provenienza.

Un altro dramma sottolineato dal China Labour Bulletin è quello dei 58 milioni di bambini lasciati in campagna dai genitori che sono invece emigrati in città. Uno studio del CLB denuncia che questi bambini possono essere vittime di abusi, e soffrono di disturbi psicologici e del comportamento a causa della lunga separazione dai genitori. Al tempo stesso, I ragazzini che emigrano in città con la famiglia, sono vittime di discriminazioni che li costringono a frequentare scuole poco qualificate e a non avere un’assistenza medica adeguata.
Secondo il CLB i lavoratori migranti sono i più sfruttati all’interno della forza lavoro. Il 90 percento dei casi di cui si occupa il CLB a livello legale riguarda proprio loro.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008