cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Myanmar, niente di fatto

Autore: . Data: lunedì, 25 agosto 2008Commenti (0)

Fallita missione Onu

L’inviato speciale dell’Onu, Ibrahim Gambari, ha lasciato il Myanmar a mani vuote senza aver ottenuto alcuna concessione dalla giunta militare al potere e senza aver incontrato la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi, che si sarebbe rifiutata di vederlo. Lo riferiscono fonti diplomatiche.

Gambari, lasciando il Paese, non ha precisato le ragioni del mancato incontro con Suu Kyi. Secondo la televisione di Stato Mtrv, l’inviato dell’Onu ha tentato per ben due volte di vedere il Nobel per la pace, ancora agli arresti domiciliari, ma Aung San Suu Kyi ha rifiutato di incontrarlo.

Gambari, che ha avuto “aperti ed ampi” colloqui con il primo ministro Thein Sein ed altri rappresentanti del governo birmano, non si è incontrato neppure con il generale Than Shwe, leader della giunta militare.

Il diplomatico nigeriano avrebbe nuovamente chiesto al regime birmano la liberazione di 2 mila prigionieri politici e l’avvio di un dialogo serio con l’opposizione. “Gambari ha detto di aver affrontato alcune questioni con il regime, e spera di tornare nel Paese. In concreto non ha ottenuto molto” spiega un diplomatico occidentale che ha chiesto di restare anonimo.

L’inviato dell’Onu era arrivato in Myanmar lunedì scorso, con l’obiettivo di avviare il dialogo tra la giunta al potere e l’opposizione guidata da Suu Kyi, dopo il referendum costituzionale del maggio scorso. La consultazione, tenutasi nonostante il ciclone Nargis avesse devastato il Paese, provocando oltre 130 mila morti, ha scatenato le critiche di tutta la comunità internazionale. La nuova Carta costituzionale é stata approvata con il 92,4% dei consensi, un risultato respinto dalla Lega nazionale per la democrazia (Lnd), il partito guidato da Suu Kyi.

(Swissinfo.ch)

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Lascia un commento

Usa il modulo sottostante per commentare. Se sei già registrato, effettua il log-in. Puoi anche abbonarti ai commenti di questo articolo via RSS.

Tag HTML consentiti:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008